Università in Inghilterra: il British Council ti dà una mano

educazionegobale università inghilterraFare l’università in Inghilterra. Un progetto accarezzato da molte ragazze e ragazzi, perché le università inglesi rilasciano qualificazioni riconosciute in tutto il mondo, oppure solo per il piacere di fare – del percorso universitario –  un’esperienza internazionale.

Quale che sia il motivo, si può accedere ad una università inglese anche senza aver fatto una scuola con il programma britannico o una scuola internazionale e, dunque, senza essere in possesso degli A-levels o dell’IB e anche senza aver frequentato una scuola italiana Cambridge International (che, in alcuni casi, dà qualche titolo in più).

Come?

Bene, innanzitutto per studiare in Inghilterra bisogna essere digitali, perché la domanda di ammissione si fa attraverso un unico canale, quello dello Universities and Colleges Admissions Service – UCAS, e solo in rete, sul sito web dell’UCAS. Per inciso, l’UCAS gestisce le domande  per le università di tutto il Regno Unito e, dunque, non solo quelle inglesi.

Quali titoli servono? Il sito dell’UCAS consente di aver informazioni precise ma, con qualche approssimazione, i titoli richiesti sono quelli che seguono.

In primo luogo, occorre dimostrare di avere una buona conoscenza della lingua inglese, attestata da una serie di esami (IELTS, oppure TOEFL, IGCSE English e così via).

In secondo luogo, è bene cercare di prendere un buon voto all’esame di Stato finale del liceo, ossia alla maturità, anche se il voto richiesto può variare da istituto ad istituto e da un corso di laurea ad un altro.

In terzo luogo, serve una lettera di committment/personal statement “motivazionale” dello studente.

Infine, servono due lettere di reference (di presentazione) di professori che hanno avuto il ragazzo o la ragazza come studente e, magari, un cv ricco di esperienze culturali e sociali.

Si può fare domanda a 5 università le quali poi faranno le loro conditional offers, ovvero offerte condizionate al raggiungimento di alcuni obiettivi, come, ad esempio, il voto dell’esame di Stato e che comunque variano da università a università.

Il percorso va accuratamente pianificato: non è pensabile fare le cose all’ultimo momento; occorre cominciare a pensarci nel corso del penultimo anno di scuola superiore (e, già così, si accede all’università inglese con un anno di ritardo rispetto ai colleghi inglesi che si diplomano a 18 anni).

educazioneglobale WadhamOxfordLa scadenza delle università, poi, non è uguale per tutti: normalmente è a metà gennaio, anche se alcune facoltà letterarie posticipano di un paio di mesi ed Oxford e Cambridge (nonché specifici corsi, come medicina), hanno come scadenza il 15 ottobre. E, per inciso, puntare ad Oxford o a Cambridge è inutile se non si è un fuoriclasse.

Se tutto questo iter dovesse sembrare troppo complesso, forse la risposta può essere quella di partecipare ad un evento che il British Council sta organizzando a Milano.

Si tratta della seconda edizione della Fiera “Education UK” in Italia, sullo studio nel Regno Unito. L’evento si terrà a Milano Sabato 28 febbraio 2015 (la prima si è tenuta nel gennaio 2014). Tutti gli studenti interessati allo studio nel Regno Unito potranno incontrare i rappresentanti di 35 istituti britannici che offrono corsi universitari, post-universitari e corsi di lingua inglese.

Ecco tutte le info.

Chi non potesse partecipare si può sempre rifare consultando il sito del British Council che ha una sezione dedicata agli studenti che desiderano studiare nel Regno Unito. Si può entrare direttamente in contatto con le università a Londra, in tutta l’Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord. Si può, inoltre, vedere questo sito, sempre del British council: Education UK

Infine, se la motivazione per fare l’università nel Regno Unito è solo quella della lingua, allora tanto vale ampliare il proprio orizzonte di ricerca. Il mondo è pieno di corsi di laurea in lingua inglese, anche in Italia (Bocconi, Politecnico di Milano, LUISS) in Francia (a partire da Science PO) e – notizia di seconda mano, ma non stento a crederlo – esistono ottime università con corsi in inglese in tutta Europa: in Olanda, in Germania e in Svezia, tanto per citare alcuni paesi.

 

Se giudichi questo ‘post’ interessante aggiungi un commento!  Inoltre diffondilo per  email o con i social network.  Ti potrebbero anche interessare:

Aggiungi un commento - Leave a Reply