Programmazione informatica a scuola: risorse per insegnanti dal Regno Unito

educazioneglobale webCome sa chi ha letto E’ Settembre, back to school…quali novità ci aspettano? tra i piani del governo vi è quello di inserire la programmazione informatica (il coding) nei programmi di studio attraverso la piattaforma code.org (già usata negli Stati Uniti da milioni di ragazzi).
La cosa farà forse discutere. Tuttavia, come ho già scritto in Perché dobbiamo diventare tutti nerd, il mondo ha bisogno di persone che sappiano programmare, quale che sia il mestiere che svolgerannoNon più solo programmatori di professione, ma professionisti di ogni genere, che sappiano scrivere codice per realizzare i loro progetti.
Domani forse programmare sarà come oggi avere un sito web, usare un social network o far funzionare un telefonino. Con la grossa differenza che in molte attività “tecnologiche” di oggi – dall’uso di facebook o di uno smartphone – l’utente è passivo: si limita ad acquistare un oggetto ed usarlo; il coding, invece, consente di creare, come ho visto fare durante uno degli appuntamenti di Coderdojo.
E’ indubbio che la tecnologia sarà sempre più incorporata in quello che facciamo; pertanto i più giovani non possono più limitarsi ad usarla. Per questo motivo i programmi delle scuole dovranno cambiare, per formare i cittadini di domani. E poi vi sono benefici oggettivi nell’apprendere a programmare, tra i quali lo sviluppo di competenze di problem solving. Insomma, anche se non sappiamo ancora bene quale è il modo giusto o il programma giusto per insegnare a creare tecnologia si intravede un futuro, ma forse già un presente, in cui il coding è la nuova lingua straniera.

Sorge allora spontanea una domanda: cosa fanno negli altri paesi?

Nelle “scuole degli altri” si studia la programmazione informatica?  Ebbene c’è chi è più avanti e chi è più indietro, ma quasi tutti i paesi industrializzati si stanno muovendo verso un uso della tecnologia sempre più volto a creare.

Prendiamo l’esempio del Regno Unito, che già aveva un insegnamento di tecnologia e design (nel curriculum figurano, inoltre, geografia, matematica, inglese, scienze, storia, arte teatro e musica, educazione fisica, lingua straniera ed educazione civica e religiosa) e dove, attualmente, è in corso una riforma dei programmi dei Key stages 1,2,3 (la scuola inglese è infatti articolata in quattro “fasi – chiave”, Key stages, appunto).

Per quanto riguarda l’informatica, i ragazzini inglesi della scuola primaria dovranno comprendere i concetti di algoritmo, network, bug e debugging, search engine ranking, tutte nozioni che non farebbero sfigurare un informatico di professione.

Ad esempio, per il Key stage 1 (ossia tra i 5 e i 7 anni) gli allievi dovranno: capire cosa sono algoritmi e come creare semplici programmi, usare la tecnologia per creare organizzare e manipolare contenuti digitali (anche un disegno, dunque), capire cosa si intende per protezione dei dati.

Altro esempio, per il Key stage 3 (11-14 anni) il programma si articola in computing, information technology edigital literacy. Un insegnante inglese ha descritto al Times Education Supplement quale potrebbe essere l’organizzazione di un ciclo di lezioni. L’insegnante guida i ragazzi nella simulazione dell’avvio di un’attività imprenditoriale. In gruppi, gli studenti utilizzano fogli excel per calcolare i costi di avvio e registrano su un database acquisti e clienti. In un secondo momento programmano e disegnano un sito di commercio elettronico per la vendita dei prodotti e, infine, usano un programma di grafica per creare l’insegna del negozio fisico e per creare dei volantini pubblicitari. Ognuna di queste fasi copre circa quattro lezioni. Insegnata così qualsiasi materia prende vita, i ragazzi si divertono e, nel contempo, imparano nozioni utili.

Anche nel Regno Unito, ovviamente, non sono solo rose e fiori e così anche i docenti inglesi si lamentano di non essere mai stati formati dal sistema di istruzione pubblico per insegnare l’informatica ma hanno dovuto colmare le proprie lacune partecipando all’International Hour of Code Movement ed hanno imparato ad usare linguaggi di programmazione “visivi” (come Scratch) o usando le risorse di Codecademy.

Chi fosse insegnante e volesse capire meglio come costruire qualche lezione può consultare questo link del Times Education Supplement, che mette a disposizione delle risorse per i docenti.

Se vuoi partecipare alla discussione aggiungi un commento.  Se ti piace questo ‘post’ iscriviti ad educazioneglobale. Ti potrebbero anche interessare:

 

 

 

Aggiungi un commento - Leave a Reply